Terremoto Abruzzo: appello di Caterina Caselli alle radio “Trasmettete il brano Domani”

Nel terzo anniversario del sisma la produttrice chiede il sostegno dei network.

“A tre anni di distanza, mentre il processo di ricostruzione fatica a mettersi in moto nei modi e nei tempi che i cittadini si aspettano, vorremmo che lo spirito che allora animò la musica italiana potesse tornare a smuovere le acque. Vi saremmo grati se inseriste il brano ‘Domani 21/4/2009’ nella programmazione musicale del 6 aprile”: è l’appello di Caterina Caselli contenuto in una lettera inviata a tutti i network radiofonici nazionali per non dimenticare le popolazioni colpite nel 2009 dal devastante sisma in Abruzzo.

“Fra pochi giorni saranno tre anni da quando una serie di scosse di terremoto di enorme potenza hanno distrutto la città de l’Aquila e una parte del territorio – scrive la Caselli -. Subito dopo il tragico evento la musica italiana ha trovato la capacità di mettersi insieme e di dare un contributo importante”.

Il presidente di Sugar Music riporta così luce sulla vicenda, invitando le radio a continuare a dare il loro sostegno programmando Domani 21/4/2009. Scritto da Mauro Pagani, produttore artistico in collaborazione con Lorenzo Jova Cherubini e Giuliano Sangiorgi dei Negramaro, anche ideatori del progetto, il brano corale interpretato da più di 50 artisti italiani, ha raccolto 1.121.607,06 euro destinati a sostenere gli interventi di ricostruzione, consolidamento e restauro del Conservatorio “Alfredo Casella” e della sede del Teatro Stabile d’Abruzzo dell’Aquila. Tutti gli artisti e le persone coinvolte hanno partecipato al progetto a titolo gratuito.

Tutti i diritti editoriali e discografici derivati dalla vendita del brano sono devoluti al conto corrente postale “Salviamo l’arte in Abruzzo”, iniziativa lanciata dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali.

Questa voce è stata pubblicata in News e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.
avatar

Info su red

Pier Giorgio Tegagni: redazione e admin di Italianissima Music Press.